Bum Bum

(Parole e musica di Massimo Bubola)

Mi chiamo Dario Loredàn
vengo da Belluno
da più di un anno sono qua
qua sull'Altipiano.

Ora in licenza me ne vo
giù verso Verona
che sorpresa che farò
alla mia dolce sposa.

Bum bum bum bum bum bum bum bum
ciao cannone
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor.

Arrivo a casa ch'è già buio
sento l'usignolo
che canta sopra il glicine
quel canto triste e solo.

Busso e ribusso alla mia porta
nessuno viene a aprire
ma sento sopra un gran rumore
la bimba mia gridare.

Bum bum bum bum bum bum bum bum
sulle scale
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor.

Entro e inciampo sulla culla
Ester piange forte
mia moglie è lì discinta al buio
più bella della morte.

Si sporge lenta su di me
per un lungo bacio
un bacio incerto un balbettio
il bacio dell'addio.

Bum bum bum bum bum bum bum bum
ciao amore
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor.

Un' ombra si stacca dal muro
spara ed io barcollo
ed il sudore e il sangue insieme
mi scendono sul collo.

Bum bum bum bum bum bum bum bum
mio Signore
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor

Passante che ti fermi qui
e senti l'usignolo
che canta sopra il glicine
quel canto triste e solo,

Siediti là su quella pietra
sotto il muro dell'orto
e prega per l'anima mia
che sono lì sepolto.

Bum bum bum bum bum bum bum bum
sotto terra
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor
Bum bum bum bum bum bum bum bum
come in guerra
Bum bum bum bum bum bum bum bum
fa il mio cuor.