Emmylou

Neve sporca dentro il cortile
fango sul mio povero nome
mentre dietro si chiude la porta
della triste vecchia prigione

Avevo una moglie dolcissima
il suo nome era Emmylou
avevo una moglie bellissima
perchè l'ho uccisa non ricordo più

Ci sposammo il 15 Marzo
lungo un viale di tigli e mimose
la sua luce accecava i miei occhi
la sua voce addolciva il mio cuore

Per tre anni la vita fu semplice
un bambino, il lavoro, la casa
le stagioni scorrevano docili
annodate da un filo di lana

E' per me difficile signori
comprendere il perchè!
Chiedo agli uomini perdono
e a Dio pietà di me

E un giorno il diavolo bussò alla mia porta
sotto le vesti di uno studente
suonava il piano era così divertente
gli chiedemmo di fermarsi un po' qui

E fu così che da piccoli accordi
la loro intesa salì
fino al confine di tutti i rimorsi
io mi trovavo a passare di lì

Abbracciati come edera e quercia
distesi sulla riva del fiume
vidi l'erba macchiarsi di rosso
i loro corpi coprirsi di piume

Le misi due rose sul petto
una bianca, una rosso carminio
le misi due perle all'orecchio
e le scarpe color ciclamino

E' per me difficile signori
comprendere il perchè!
Chiedo agli uomini perdono
e a Dio pietà di me

Trovo sempre quello che perdo
perdo sempre quello che trovo
- Signor giudice, conosco il coltello
è senz'altro di mia proprietà -

Avevo una moglie dolcissima
il suo nome era Emmylou
avevo una moglie bellissima
perchè l'ho uccisa non ricordo più