Stanze di diluvio

(testo e musica di M. Bubola)

Ti ho guardata così a lungo
finchè non ti ho vista più
ti ho seguita come il vento
finchè l'hai voluto tu
lungo terre di confine senza te
sotto un cielo senza fine, senza te.

Ti ho cercata nella folla
fra le strade giù in città
ho pregato nella pioggia
fra le lacrime, più in là
lungo stanze di diluvio, senza te
camminando dentro il buio senza te.

Sei sola come me
hai freddo come me
hai fame come me
se io ti chiamerò, tu mi risponderai?
Mi riconoscerai?
Mi riconoscerai?

Ho dormito così a lungo
e ora non ricordo più
questi graffi sul mio viso
questo sangue su di me
lungo giorni tutti uguali senza te
sotto spari e temporali senza te.

Sei sola come me

hai freddo come me
hai fame come me
se io ti chiamerò, tu mi risponderai?
Mi riconoscerai?
Mi riconoscerai?