Vieni alla finestra

(W.Nile-M.Bubola)

Vieni alla finestra, amore, vieni al mattino
sotto le coperte potremo giocare,
il vecchio portiere non darà fastidio,
vieni alla finestra, amore, vieni al mattino.

Vieni alla finestra, amore, vieni di sera
il sole al tramonto ti seguirà,
perchè aspettare tristi e in preghiera
e non rotolare con la luna quaggiù

che ride e canta sulla collina e illumina i vicoli e i solai
e riempie di stelle i bassifondi con tutti i dolori ed i guai.

Vieni alla finestra, amore, vieni di giorno
nel mio letto di piuma ti scalderai,
il vento sta crescendo ed un corvo gira intorno
e presto la bufera ci coprirà.

Vieni alla finestra e io verrò fra le tue
e poi canteremo una vecchia canzone
apri la persiana, io ti aprirò il cuore.
Vieni alla finestra e riportaci il sole

che ride e cade sulla collina e illumina i vicoli e i solai
e riempie di stelle i bassifondi con tutti i dolori ed i guai.

Vieni alla finestra, amore, vieni a mezzanotte,
nessuno é rimasto sveglio o vivo quaggiù,
il chiaro di luna ci potrebbe ferire
che strano far l'amore e non morire.

Lei ride e canta sulla collina e illumina i vicoli e i solai
e riempe di stelle i bassifondi con tutti i dolori ed i guai