Massimo Bubola

Massimo Bubola

Press area

L'armonica non curò un amore spezzato

Una storia vera - Un dono che arriva per Santa Lucia: lo porta un tenente a Linda da parte del suo Alvise. «Amore mio, quando lo riceverai, avrai già visto la mia ultima lettera...». Ma la lettera non arriva. E l'attesa per la ragazza è estenuante come quella dei soldati nel fango delle trincee


documento Pdf Corriere della Sera del 24-5-2015 (2,21 MB)

Articolo pubblicato sul Corriere della Sera -Veneto di Francesco Verni il 7/01/2013

Bubola: «Il mio rock è istant song» L'anteprima il 19 a Mestre, poi il concerto il 9 febbraio nella sua città. «In alto i cuori» è il nuovo album del musicista veronese. «Mi rivolgo agli uomini di buona volontà» Il rock non consola. Ma è una musica capace di far aprire gli occhi e accendere, nel buio, delle luci. Lo sa bene Massimo Bubola, il «cavaliere elettrico», poeta e musicista veronese, tra i più importanti scrittori di canzoni del nostro Paese, che ha inciso il suo ventesimo album, «In alto i cuori», disco destinato a restare nella storia della rock d'autore. L'album, in uscita il 22 gennaio sarà anticipato il 19 da un concerto anteprima in trio al centro culturale Candiani di Mestre (info 041/2386126) e avrà al teatro Ristori di Verona, il 9 febbraio, la prima data di un lungo tour con la fida Eccher Band al completo (info 346/9777966 ). Il titolo «In alto i cuori» è un invito, una preghiera, un augurio o una necessità??«È una speranza. E la speranza è anche un dovere, un impegno morale verso le nuove generazione; non è una parola vacua di cui si riempie la bocca l'opinione pubblica, ma è una cosa che si costruisce ogni giorno con fatica e comportamenti adeguati».?Sull'altra faccia della medaglia della speranza, si trovano però canzoni come «Paese finto» o «Tasse sui sogni»...?«La visione del mondo deve essere cruda e disincantata perché l'album è un'analisi di questo Paese. Da una parte c'è il disincanto e dall'altra c'è ancora [...continua con il testo completo della notizia "Articolo pubblicato sul Corriere della Sera -Veneto di Francesco Verni il 7/01/2013">>]

Bubola fotografa l'Italia di oggi

[da La Provincia di Cremona del 3 dicembre 2012]
Casalbuttano. Al Bellini con una formazione ridotta dell'Eccher BandIl cantautore ha presentato l'album in uscita 'In alto i cuori' CASALBUTTANO - Parole e ballate per la Nuova Grande Crisi. Massimo Bubola ha presentato al teatro Bellini di fronte a un pubblico numeroso un'anteprima del prossimo album In alto i cuori, la cui uscita è prevista per il mese di gennaio. Sul palco, insieme a una formazione ridotta della Eccher Band, un quartetto in assetto elettro-acustico, il cantante e chitarrista si è soffermato a lungo sul senso del nuovo album e sulle undici canzoni che lo compongono. 'instant songs' - le ha definite - pensate per catturare fatti di cronaca quotidiana, schizzi di presente capaci però di immortalare l'immagine di un intero Paese e, come tutte le buone canzoni o le buone narrazioni più in generale, di avvicinare le persone. Lacrime parallele, Hanno sparato a un angelo, Un Paese finto sono solo alcuni dei titoli che faranno parte del disco, la cui anteprima lascia intendere una complessiva fisionomia folk-rock, sullo stile delle ultime uscite del rocker di Grezzana. Accanto ai nuovi pezzi non sono mancati i successi di sempre: da Niente passa invano a Il cielo d 'Irlanda, passando per l'omaggio all'amico Fabrizio De André con Quello che non ho e Fiume Sand Creek, entrambe scritte da Bubola per l'album L'Indiano. In chiusura, durante i bis, ha fatto capolino anche una divertita versione di Ruby Tuesday dei Rolling Stones. Il [...continua con il testo completo della notizia "Bubola fotografa l'Italia di oggi">>]

Con Bubola 'in alto i cuori'

[da La Provincia di Cremona del 1 dicembre 2012]
Casalbuttano. «Canto un Paese finto in cui la sottocultura tv ha ucciso i valori»
Il cantautore in concerto questa sera (ore 21) al teatro Bellini CASALBUTTANO - «Mi piace tornare a Casalbuttano: si percepisce un'atmosfera magica sapendo che Bellini iniziò proprio qui a comporre la Norma». Massimo Bubola descrive così l'attesa che lo porterà (oggi alle ore 21) sul palco del teatro Bellini per un concerto speciale. «Sì, sarà un'anticipazione: in scaletta avrò alcuni pezzi nel nuovo album, In alto i cuori, in uscita all'inizio dell'anno prossimo. Suoneremo in quartetto acustico, anche perché l'album si presta molto all'esecuzione con questa formazione».Un titolo che suona quasi come un'esortazione per questi tempi bui.«Il titolo è stato deciso questa primavera, ma la realtà spesso supera l'immaginazione e supera anche i peggiori incubi. In alto i cuori è la canzone che chiude l'intero album ed è un brano soul, una preghiera per un'Italia in profonda difficoltà. Saranno 11 tracce scelte fra 24 canzoni scritte. Una di queste, Non ho santi in paradiso, è finita nel nuovo disco del mio amico Danilo Sacco » 'Instant songs', le ha definite.«Sì, sulla scorta di un genere nato in America a cavallo fra le due guerre. Quelle erano canzoni che parlavano di fatti di cronaca con riflessi sociali. Ci dimentichiamo spesso che il nostro lavoro, quello di cantautori, è stato la prima forma di narrativa. Quando Omero ed Esiodo componevano, la letteratura scritta praticamente non esisteva. Tornando alle [...continua con il testo completo della notizia "Con Bubola 'in alto i cuori'">>]